Voto di scambio: indagato Matteo Adinolfi della Lega

L’europarlamentare della Lega Matteo Adinolfi è indagato nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Roma per scambio elettorale politico mafioso in occasione dell’elezione amministrative per il rinnovo del Consiglio Comunale di LATINA del 5 giugno 2016.


M5S: trovato accordo tra Grillo e Conte! – Latina M5S


Adinolfi indagato

Questa mattina la Polizia di Stato di LATINA e Roma, insieme ai Carabinieri del Comando Provinciale di LATINA, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal gip di Roma nei confronti di due persone: si tratta dell’imprenditore nel settore dei rifiuti Raffaele Del Prete e di un suo collaboratore. In particolare, secondo quanto emerso dalle indagini della procura di Roma e LATINA, l’imprenditore, dietro al pagamento di 45.000 euro a membri del clan Di Silvio avrebbe assicurato l’aggiudicazione di almeno duecento voti al capolista candidato nella lista “Noi con Salvini” Matteo Adinolfi, nei quartieri di influenza criminale del clan.


Firma la petizione per chiedere le dimissioni di Adinolfi!: qui


Le evidenze investigative sono state confermate, tra l’altro, dalle dichiarazioni dei due collaboratori di giustizia Agostino Riccardo e Renato Pugliese. In particolare, Riccardo – anche lui indagato nello stesso procedimento – secondo gli inquirenti era il tramite dell’accordo politico-mafioso tra il clan e l’imprenditore, avendo ricevuto una sorta di “investitura” dai Di Silvio a curare i rapporti con la politica nel territorio di Latina, compreso il sostegno ad Adinolfi e l’attacchinaggio dei suoi manifesti in occasione delle comunali del 2016. In base all’accordo, nessuno degli appartenenti alla famiglia criminale si sarebbe dovuto presentare presso la sede del partito, per evitare di apparire come ”collettore” di voti. Del Prete avrebbe comunicato con il clan solo attraverso Riccardo. Dal punto di vista dell’imprenditore, l’elezione di Adinolfi era funzionale a ottenere il monopolio nella gestione dei rifiuti e delle bonifiche nel territorio pontino.

Ad essere arrestato, oltre l’imprenditore nel campo dei rifiuti, anche il responsabile Comunicazione delle attività in Regione Lazio e attuale commissario della Lega a Sezze Emanuele Forzan.

I nostri riferimenti

Seguici su Facebook: qui

Seguici su Instagram: qui

Il nostro gruppo Facebook: qui

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *