Latina avrà il “Piano Antenne”

Latina era una delle città a non avere il Piano Antenne. Questa mancanza potrà essere risolta grazie al lavoro del M5S nella Giunta comunale.

Piano antenne a Latina

L’insediamento della dott.ssa Adriana Calí in qualità di assessore all’ambiente e alla transizione ecologica nella nuova Giunta comunale di Latina ha avuto come risultato un netto cambio di passo nella gestione delle problematiche irrisolte nel corso della passata legislatura.

Basti pensare che alcuni comitati civici, che da anni si mostrano critici nei confronti dell’amministrazione comunale, hanno accolto in maniera positiva la costante opera di ascolto e di cooperazione che l’assessore sta portando avanti per quanto riguarda la stesura definitiva del piano antenne e del relativo regolamento.

Proprio i suddetti comitati hanno, tramite un comunicato, enfatizzato l’atteggiamento proattivo dell’assessore in quota M5S: “Finalmente anche Latina avrà un Piano Regolatore Antenne. L’ottimo lavoro della dottoressa Adriana Calí, nuovo Assessore all’ambiente, ha determinato una svolta decisiva nell’impantanamento che da anni caratterizzava questo problema”.

I comitati definiscono così l’assessore Calí: “Persona molto preparata e competente, ha dedicato subito grande impegno e coinvolgimento per dotare la città di uno strumento di difesa a tutela della salute pubblica”. E proseguono nel plauso: “I cittadini aspettano da anni che venga realizzato [il Piano Antenne] e il nuovo Assessore si è dedicato con estrema attenzione, articolo per articolo, all’integrazione e al perfezionamento di quello che sta per diventare un documento realmente conforme a rendere vivibile e dettagliatamente pianificato quello che oggi è invece spesso stato definito il far west delle installazioni di antenne di ogni tipo”.

A confermare quanto riportato è Annunziata De Masi, referente di uno dei comitati ambientalisti coinvolti: “Noi associazioni, comitati e organizzazioni ambientaliste siamo innanzitutto stupiti da tanta determinazione, capacità e volontà integerrima di svolgere appieno il suo ruolo di Assessore per la legalità e siamo fieri di poter contare su una figura istituzionale che sta facendo davvero l’impossibile perché venga riconosciuto un regolamento adeguato a tutelare i diritti dei cittadini, pur nella realizzazione di una rete di connessione che permetta di lavorare, informare, inviare comunicazioni”.

Il giusto equilibrio tra le esigenze di una rete funzionante e una tutela vera e non solo apparente della salute pubblica sta per essere raggiunto da questo documento tanto atteso dalla città. Inoltre, ogni volta che si raggiunge tale obiettivo e si realizza un simile risultato, altre città sono pronte a seguirne le tracce.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.